D'Abruzzo

"Quanno
nascette Ninno
"
in Real Audio un assaggio di "Utriculus", canti e musiche per zampogna e ciaramella dell'Associazione culturale "Circolo della zampogna" - Scapoli (Molise)

Zampognaro
condizione dell'anima

Un'arte antica
e complessa

La 32
La forma del mito

Ciaramedda
canto d'amore

Ritratto di signora con zampogna

Home
Su
La rivista
Filo diretto
Catalogo
Abbonamenti
Cerca

La 32
La forma del mito
Testo di Maria Concetta Nicolai Foto di Luciano D'Angelo

.
La grande 32 delle Mainarde dal suono grave e solenneA parte alcune zampogne monumentali come le basse 6 palmi di Monreale, la 32 lo strumento pi grande in uso nell’Italia meridionale.

Emette un suono grave e solenne, adatto ad accompagnare il canto, sia di carattere religioso (novene, processioni, pellegrinaggi) che profano (ballo, serenate, canti di questua, canti di mietitura), in quanto non sovrasta la voce e gli assolo della biffera.

La foto propone un vero capolavoro del genere: una 32, costruita, per Antonietta Caccia da Gerardo Guatieri nella sua bottega di Fonte Costanza a Scapoli, con l’attenzione filologica al modello tradizionale che contraddistingue questo maestro che considerato il massimo depositario dei segreti dell’arte.

Splendidamente tornita, insieme alla biffera di coppia, in legno di olivo, misura, dalla testata alla campana della canna di manca oltre un metro.

L’otre ricavato da una pelle di ovino adulto, conciata a pelo raso, le ance doppie sono approssimativamente accordate in Fa maggiore.

 

EDIZIONI
MENABO'


Coordinamento multimediale
Maria Concetta Nicolai

Webmaster
Giustino Ceccarossi

1998, 1999 Edizioni Menabo', Professional Net